INCONTRO CON LA SCRITTRICE MATILDE IACCARINO

Venerdì 1 febbraio alle ore 17,30 a Villa De Gemmis/Villa Avellino – Via Carlo Rosini, 21 – Pozzuoli – si presenterà il libro ARSENALE DI MEMORIE di Ida Di Ianni e Matilde Iaccarino edito da Volturnia Edizioni. Per l’occasione abbiamo posto alcune domande a Matilde Iaccarino, ripromettendoci quanto prima di fare altrettanto con Ida Di Ianni.

Matilde Iaccarino nasce a Pozzuoli (Na), è giornalista, appassionata di letteratura (ha pubblicato alcune raccolte di poesie e racconti) ed è impegnata da molti anni nella ricerca storica. Si occupa principalmente di storia contemporanea, alternando al lavoro d’archivio quello legato alla storia orale e ai giornali d’epoca. È stata borsista presso prestigiosi istituti di ricerca, come l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici e l’Istituto Italiano per gli Studi Storici “Benedetto Croce”; attualmente fa parte della redazione del «Bollettino Flegreo» e insegna italiano e latino presso l’Istituto superiore di Bacoli (Na).

Matilde posso definirti scrittrice di genere?

Scrittrice di genere è una bella definizione ma anche complicata in quanto fa riferimento a quell’area femminista, pseudo femminista o femminile. Io mi definirei “scrittrice di genere non puro”. Mi spiego: in quanto donna porto il mio punto di vista di donna in qualsiasi narrazione, ricerca, intervista che faccio. Tuttavia non mi piace parlare esclusivamente di donne o dei soliti topic femminili perché non mi piace l’idea di donne che parlano di donne. Per capirci meglio, rispetto alle vere scrittrici di genere che si occupano esclusivamente di temi inerenti la donna e la sua condizione, io mi guardo intorno e osservo il mondo in toto, non solo quelle delle donne ma anche degli uomini o il sociale in cui sono impegnata e da cui trassi spunto per la mia precedente raccolta di racconti LA TEORIA DELLA BUONA FORMA, per poi dare la mia interpretazione di donna in maniera obliqua e periferica, cogliendo sfumature che invece a un uomo sfuggirebbero in quanto, secondo me, essendo lo sguardo maschile più d’impatto si focalizza su un punto e non lo abbandona più. Ecco perché non mi definirei una scrittrice di genere.

Preferisci essere definita scrittrice, giornalista o professoressa?

La domanda è complicata in quanto attinente al prisma dell’essere donna. Fare l’insegnate è stata una mia scelta ponderata e non un ripiego. Insegno da diciotto anni e non ho mai pensato di aver sbagliato strada: mi appassiona, mi piace, sono una di quelle che quando si sveglia la mattina non ha paura di annoiarsi. Parallelamente quando scrivo, in qualunque momento, percepisco me stessa, la mia autenticità. Il giornalismo è invece l’aspetto che più ho trascurato nel corso degli anni: è stata una grande passione giovanile che come tutti i grandi amori giovanili sono destinati a finire ma ti lasciano un segno che traccerà il prosieguo della tua vita. Io oggi sono un’insegnante e una scrittrice: né l’una cosa prevale sull’altra né l’una smentisce l’altra.

Se non sbaglio sei anche moglie e madre… Come riesci a integrare tra di loro questi ruoli rispetto alla scrittura non rubando spazi alla famiglia?

Ti ringrazio molto per questa domanda che per una donna è fondamentale visto la pluralità di ruoli che è costretta a coprire. Io dedico alla scrittura tutti i momenti morti della mia vita: porto sempre con me un quadernetto nel quale appunto qualsiasi idea mi venga in mente nel corso della giornata per non perderla e nei momenti “morti” scrivo: sia se sono in piscina in attesa che esca mio figlio; sia la sera dopo che si è addormentata la bambina o ho finito di correggere i compiti; o se sono in attesa alla posta. È in quei momenti che la mia creatività si manifesta e do vita alle mie storie. Lasciami inoltre ringraziare mio marito che in questa attività mi ha sempre sostenuta rispettando le mie esigenze da scrittrice, lasciandomi gli spazi necessari perché possa non solo scrivere ma rivedere come si conviene i miei elaborati.

Che letture prediligi?

Da ragazza ho amato molto i grandi classici. Poi c’è stata una fase in cui mi sono aperta all’ultra moderno, andando a caccia di scrittori misconosciuti leggendo la quarta di copertina. Inoltre sono un’appassionata di Simenon, non solo dei Maigret in quanto mi piacciono i gialli, ma soprattutto dei romanzi psicologici in cui a mio parere lo scrittore belga è un maestro.

C’è uno scrittore che ha influito sul tuo stile di scrittura?

Agli inizi molti sostenevano che avessi una scrittura minimalista, accostandomi a Carver. La cosa simpatica è che io Carver non l’avevo mai letto, l’ho letto poi. Mi è sempre piaciuto scrivere storie brevi, essenziali, non a caso finora non ho scritto un romanzo, ma non ho mai avuto un punto di riferimento. Lo stile me lo sono formato da me; oserei dire che è una cosa naturale dovuta alla mia indole artistica.

Venerdì 1 febbraio a Pozzuoli si presenterà Arsenale di Memorie scritto a quattro mani con Ida Di Ianni. Non voglio entrare nel merito perché, mancando l’altra autrice, non mi sembra corretto parlarne, lo faremo in altra sede insieme a Ida. Ti chiedo solo, che libro dobbiamo aspettarci?

Un libro, totalmente diverso da quelli che ho scritto finora. Prima di tutto perché abbandono la tematica sociale e poi perché è un libro molto intimo, molto femminile, molto personale. È il libro che avrei voluto scrivere per mia madre, fondato sulla memoria come farmaco: il ricordo non fa male ma serve a guarire i vuoti e a lenire quelle ferite che ci procuriamo nel corso della vita. È diviso in due sezioni: la prima si chiama LA BAMBINA AMERICANA curata da Ida; la seconda DI MADRE IN FIGLIA è un dialogo tra me e mia madre scritto dopo la sua scomparsa che spazia dalla fine degli anni settanta fino ai giorni nostri in cui ripercorro le parte fondamentali del nostro rapporto che fu molto difficile e conflittuale. Solo dopo che si decise di pubblicarlo, rivedendolo, mi sono accorta che fu semplicemente quello che è il rapporto di ogni madre e figlia.

Progetti per il futuro?

Sto lavorando alla sceneggiatura di PENSIERI DI CARTA un racconto tratto dalla TEORIA DELLA BUONA FORMA e a un libro sul periodo del bradisismo a Pozzuoli nel 1983.

Fatti una domanda, datti la risposta

Che donna avresti voluto essere?… Quella che sono!

 

Vincenzo Giarritiello

You might also like