Browsing Category

Medicina e Salute

Studi Aperti

La GIORNATA NAZIONALE DELLA PSICOLOGIA, patrocinata dal Ministero della Salute, si celebra il 10 ottobre, coincidente con la Giornata Mondiale della Salute Mentale.

In questo ambito si colloca l’iniziativa STUDI APERTI, come occasione per favorire l’incontro tra i professionisti e le persone.

Alimentazione in movimento

Oggi vi parleremo di giusta alimentazione abbinata ad una passeggiata veloce, per ottenere benessere fisico e mentale.

La corretta alimentazione è l’insieme dei rapporti nei confronti del cibo che permettono il mantenimento della propria salute nel rispetto dell’ambiente e degli altri.

Come si sceglie una buona pasta?

Cosa è bene controllare di una pasta quando si sceglie di acquistarla?

A cura della dottoressa Silvana Di Martino

La Pasta di semola di grano duro è più pregiata di quella prodotta con quello semolato. Quest’ultimo, è ottenuto dopo l’estrazione della semola. Cosa conviene tener presente per valutare quanto sia buona una marca di pasta?

Olio extravergine d’oliva un “grande patrimonio italiano”

Dottoressa Silvana Di Martino

www.nutrizioneebenessere.napoli.it

 

Nell’olio extra vergine d’oliva i componenti benefici per la salute sono i polifenoli, che danno il sapore caratteristico all’olio,

polifenoli sono una famiglia di composti chimici fortemente rivalutati perchè:

– antiossidanti, quindi combattono i “radicali liberi” dell’organismo in grado di attivare forme tumorali e altre malattie;

– riducono il colesterolo cattivo (LDL) in circolazione nel sangue, che così rimane più scorrevole e con meno rischi di infarti,infatti l’olio d’oliva non contiene assolutamente colesterolo e  l’acido oleico ha la proprietà non solo di ridurre il livello del colesterolo cattivo, ma anche di alzare quello del colesterolo buono. 

Inoltre, rende l’olio extra vergine d’oliva più assimilabile facilitando anche il trasporto delle vitamine in esso contenute.l’attività antiossidante dei fenoli nei confronti delle Ldl, di inibizione della formazione dei trombi, di antinfiammazione e di capacità di aumento della sintassi dell’ossido nitrico, con azione vasodilatrice, oltre che di diminuzione dei radicali liberi, ed inoltre se usato costantemente e nelle giusti dosi, può evitare l’assunzione di farmaci nell’iperteso.

Nutrizione&Benessere a tavola

Ingredienti :

branzino, indivia scarola, olio extra vergine di oliva dop, capperi, aglio, pistacchi pinoli e pomodorini ciliegino.

Procedimento:

Preparazione  e cottura

Eviscerare il branzino, sfilettare, spinare ed eliminare la pelle avendo cura di sciacquare bene sotto acqua corrente. Lavare la scarola e asciugarla accuratamente .Preparare un trito di pistacchi. Portare la scarola in cottura, facendola appena stufare aggiungendo successivamente olio extravergine di oliva, pinoli tostati, capperi dissalati, aglio e olive nere denocciolate. In una teglia adagiare il filetto di branzino arrotolato nel trito di pistacchi e insaporire con olio extravergine di oliva e sale,infornare a 180˚c per circa 8 minuti a cottura mista. Aggiungere qualche pomodorino,e naturalmente utilizzare “olio extravergine di oliva” .

L’inquinamento ambientale e le conseguenze sulla catena alimentare “La Terra dei Fuochi”

Dottoressa Silvana Di Martino

www.nutrizioneebenessere.napoli.it

 

Questa settimana ci occuperemo di impatto ambientale sull’alimentazione. In questi ultimi giorni è balzato di nuovo l’argomento “mai chiuso” sulla terra dei fuochi, e le sue conseguenze sull’alimentazione e la prevenzione. In particolare sull’inquinamento ambientale e le sue implicazioni sulla catena alimentare,che ha non poco preoccupato l’opinione pubblica, ed in particolare  l’esposizione ai cancerogeni.

La contaminazione dell’aria, delle acque e del suolo con sostanze e materiali dannosi per l’ambiente e per la salute degli esseri umani, capaci di interferire con i naturali meccanismi di funzionamento degli ecosistemi può compromettere seriamente,la qualità della vita.

I contaminanti possono rappresentare un grave rischio per la salute umana e animale.

 

 

 

Il Preservativo, questo sconosciuto

Dott. Manlio Converti   psichiatra
Gli studi statistici sono chiari. E’ il sesso, soprattutto tra adolescenti, ad essere la prima causa di malattie sessualmente trasmissibili (MST) e di gravidanze indesiderate (GI). Eppure nessuno si muove d’estate per garantire la gratuità del Preservativo nei luoghi di vacanza e di divertimento! Si è tenuta da poco la conferenza mondiale sull’HIV a Ginevra presso l’OMS, per ribadire i rischi della mancata profilassi ed il rischio di dimenticare il sostegno specifico per i gruppi sociali a maggior rischio:

1) persone che fanno uso di droghe (perché fanno perdere il controllo e le persone che usano droghe non usano quasi mai il preservativo);

2) persone transgender da uomo a donna (MtF) (il dato assoluto è molto alto anche perché la maggioranza di loro si prostituisce fin da minorenne perché abbandonate dai genitori);

3) prostitute (incluso le prostitute MtF ed i prostituti, omosessuali ed eterosessuali);

4) uomini che fanno sesso con altri uomini (MSM, sigla assurda che include le persone che fanno sesso con MtF, talvolta le stesse persone MtF, omosessuali e bisessuali);

5) prigionieri (perché non è un luogo comune che ci siano stupri e sesso non protetto nelle prigioni maschili e gli studi scientifici sulle MST ed HIV nelle carceri esistono dagli anni novanta, ma il Ministero della Giustizia vieta ogni iniziativa nel merito).

Questi problemi si riversano identici per tutte le MST, ovviamente, ma siccome parliamo di persone emarginate noi, anche in Italia, non facciamo quasi niente per proteggerle.

Non c’è invece sufficiente informazione rispetto alla questione della prevenzione di GI perché la riproduzione è un totem e l’interruzione di gravidanza un tabù. In realtà è proprio la diffusione dei mezzi di contraccezione, soprattutto il Preservativo, a garantire la riduzione progressiva delle GI.

Facciamo chiarezza:

1) la pillola anticoncezionale costituisce comunque un rischio per la donna, perché non protegge da MST e per i possibili effetti collaterali;

2) gli altri strumenti meccanici, hanno ura capacità anticoncezionale sempre minore alla pillola ed al preservativo e nessuna protezione per le MST;

3) evitare di fare sesso durante le mestruazioni, il metodo Ogino Knauss o l’interruzione del rapporto prima dell’ejaculazione completa, non proteggono da MST ma soprattutto sono la causa forse della maggioranza delle nascite e delle GI nel mondo.

4) Solo il preservativo (anche quello femminile, che però si trova raramente in commercio) è sicuro per MST e GI, ed è privo di effetti collaterali (tranne il caso di rare allergie per le quali è possibile usare dei preservativi anallergici, più costosi e raramente in commercio).

5) La pillola, anzi ormai LE pillole, del giorno o dei pochi giorni dopo, NON SONO pillole abortive ma sono pillole anticoncezionali, il cui sporadico uso è sicuro, a patto di renderle facilmente reperibili. Non possono essere usate, invece, dopo ogni rapporto, perché diventano inefficaci, dato il loro meccanismo d’azione (causare mestruazioni e far espellere l’ovulo prima ancora che sia raggiunto dallo sperma).

6) Le Metanalisi internazionali dimostrano che da adolescenti le ragazze che poi si identificheranno come lesbiche e bisessuali hanno un maggior rischio di uscire in cinta ed in proporzione un maggior rischio di GI. Entrambi i rischi crollano quando si emancipa la loro omosessualità: le gravidanze infatti diventano rare ma tutte desiderate.Non è causa di GI nè di MST la completa astensione dal sesso. Purtroppo, tranne che nel caso di persone effettivamente Asessuali, anche le persone che non hanno effettivamente la possibilità di fare sesso soffrono della mancata possibilità di relazione fisica ed affettiva. Le conseguenze vanno dalla nevrosi alla depressione, oltre che all’esacerbazione di eventuali disturbi del comportamento, incluso il comportamento antisociale. Quest’ultimo concetto è molto scivoloso purtroppo.La sessualità di donne eterosessuali e persone LGBT infatti è di solito negata. Siccome è’ inaccettabile il comportamento pedofilo e lo stupro su uomini, donne e transessuali, parlare di esacerbazione del comportamento antisociale in assenza di possibilità di relazioni sessuali ed affettiva, sembra giustificare questi comportamenti violenti. Questi due sono i limiti estremi del nostro discurso sul Preservativo e sul sesso. Paradossalmente incoraggiare la sessualità di donne eterosessuali e persone LGBT, esattamente come si incoraggia quella dei maschi eterosessuali, migliorerebbe la loro vita e la loro Salute Mentale. Al contrario nessuno intende incoraggiare la pedofilia o lo stupro, ma si devono ancora capire quali sono i meccanismi antisociali che intervengono e lavorare sulla Prevenzione. Paradossalmente, il rischio è quello di aumentare il loro comportamento antisociale. Sappiamo dalla sessualità delle persone transessuali che la castrazione chimica o fisica non serve. In alcuni casi sembra che la riduzione del testosterone (il 90% ma non la totalità di pedofili e stupratori sono maschi eterosessuali) ottenga un risultato sulla riduzione della loro aggressività. Il rischio è quello di far spostare la violenza su modalità più pericolose per le vittime (uso di oggetti o armi). Sarebbe riduzione del rischio garantire anche ai violenti dei preservativi gratuiti? Infine esistono i rapporti completi o parziali in cavità non idonee alla riproduzione (ano e bocca). Al di là dei tabù esistenti l’ano è un organo genitale esattamente come la vagina e la bocca in tutti gli esseri umani:

1) Nelle donne perché i corpi cavernosi sono più estesi e larghi dietro,

2) Nei maschi (tutti i maschi, incluso gli eterosessuali), perché la prostata ha tutte le necessarie terminazioni nervose.

Ovviamente il sesso anale ed orale funziona piacevolmente come quello vaginale, per rapporti omosessuali o eterosessuali, solo se non intercorre violenza e solo se lo stimolo parte da chi effettivamente desideriamo.

L’uso del preservativo di spessore normale per i rapporti anali è abbastanza logico, ma purtroppo sono proprio le persone MSM a non farne uso ed è questo fenomeno, sommato alla maggiore promiscuità, a causare un picco di MST nella minoranza omosessuale, bisessuale e transgender, uguale o superiore alla maggioranza eterosessuale. Inoltre in Italia ancora non esiste la gratuità nè l’obbligo di vaccino contro l’HPV (Gardasil 9) per gli adolescenti maschi, a maggior rischio relativo delle persone MSM.

Siamo alla Frutta!

L’uso dei Preservativi alla Frutta per il sesso orale è di raro riscontro. Eppure la localizzazione di MST e di cancro orale da HPV è in numero sufficiente da consigliarlo vivamente a tutti e tutte le adolescenti, soprattutto a chi si prostituisce oppure ha relazioni promiscue.

NON FARE OGGI QUELLO CHE PUOI FARE DOMANI!!

Dora Riemma- Psicologa  dorariemma@hotmail.it

…non fare oggi quello che puoi fare domani, la procrastinazione.

Agosto è alle porte, lo studio e il lavoro sembrano un brutto ricordo anche se c’è ancora qualche questione in sospeso, progetti da attuare, decisioni da prendere, ma…“Se ne parla a Settembre!”.

Le tanto desiderate ferie possono diventare una scusa per non affrontare problemi attuali che ci portiamo dietro da un po’. Ma rimandare una decisione o un’azione può essere una modalità frequente, pervasiva di affrontare le situazioni. La procrastinazione è, dunque, quel comportamento che porta a rimandare intenzionalmente un’azione.



Perché si procrastina? I procrastinatori, spesso, preferiscono la gratificazione immediata derivante dall’aver rimandato, ai benefici a lungo termine derivanti all’azione compiuta. Inoltre, sembra che i procrastinatori abbiano alcune caratteristiche:

PREVENZIONE: un colpo al cerchio ed uno alla botte

 

Dott. Antonio Zuppardi Medico Odontoiatra

 

 

Strano titolo per una riflessione su quelle che sono le problematiche inerenti al cavo orale.

Si cari lettori, dopo aver trattato di una procedura che riguarda la salute dentale nell’adulto, riprendiamo il discorso sull’odontoiatria preventiva in età pediatrica.



Se vi chiedessi a che età spunta il primo dentino deciduo (O dente di latte, dente che appartiene alla dentatura decidua o temporanea o da latte. Si differenzia dal dente permanente per il suo volume inferiore (1/3 ca.), il colore più chiaro, una corona più bombata con un cercine più caratteristico in corrispondenza del colletto, dove termina il rivestimento di smalto), sicuramente molte mamme mi saprebbero rispondere, ma se la domanda fosse : quando è opportuno fare la prima visita dentistica? Solo pochi si ricorderebbero il consiglio che le linee guida del ministero della salute consigliano. Allora urge una rinfrescatina

 

Perché 18 mesi?

Perché potremmo avere in bocca quasi tutti i dentini da latte, e, una buona igiene orale va insegnata fin da piccoli. Perché poi inizierà la permuta e allora diventerà primaria la salvaguardia dei denti permanenti.

Per aiutarvi a conoscere i tempi di permuta vi consiglio un video che gira su Youtube, che è molto esplicativo: erutione denti da latte e definitivi

Per aiutarvi a conoscere i tempi di permuta vi consiglio un video che gira su Youtube, che è molto esplicativo: erutione denti da latte e definitivi

La barra blu indica l’età di eruzione dei denti, conviene mettere in pausa ogni tanto per rallentare il filmato e fermarlo sugli anni che interessano maggiormente.

Spero che sia tutto chiaro, resto a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento.

A presto.

Mi chiamo….

Piera Maiello, Psicologa Relazionale,  pieramaiello@gmail.com

Questione di Identità: il mio nome comprende ciò da cui vengo e ciò che posso diventare.

Ci presentiamo al mondo con un nome ed un cognome che rappresentano la nostra identità. Il cognome ci lega alla storia da cui veniamo, alle famiglie che ci hanno generato, allo spazio per noi costruito ancor prima della nostra nascita.

È COMODA E NON SI VEDE

 

Dott. Antonio Zuppardi Medico Odontoiatra

 

 

Care lettrici, cari lettori, oggi vorrei intrattenervi su un argomento che interessa una più ampia fetta di  persone che sono gli adulti. Vorrei parlarvi di protesi dentaria, la cosiddetta “dentiera”.

Stress ossidativo e menopausa

Dottoressa Silvana Di Martino

Fb: Nutrizione&Benessere

www.nutrizioneebenessere.napoli.it

 

L’importanza della dieta antiossidante : prevenzione e nutrizione.

Gli antiossidanti aiutano l’organismo a liberarsi dei radicali liberi, questi sono quelli che causano un invecchiamento precoce delle nostre cellule. La combinazione di una dieta ipocalorica ed antiossidante è importante per il benessere cellulare. La possibilità di dosare gli idrossidi nel sangue grazie alla collaborazione con l’Università di Napoli  Federico II nella persona della docente,  Anna De Maio, che viene effettuata nel mio studio, mi permette di valutare se c’e stress ossidativo e di contrastarlo con un opportuna dieta antiossidante.

La Vita presa a morsi!

 

Dott. Antonio Zuppardi Medico Odontoiatra

Prevenzione perchéCare lettrici, cari lettori, cari genitori, questa lunga introduzione di saluto per dirvi che questo articolo interesserà, spero in modo semplice, tutti coloro che hanno a cuore la propria salute e quella dei propri cari, specialmente quelli più piccoli. Vorrei parlarvi oggi dell’ odontoiatria  pediatrica; branca dell’odontostomatologia che si occupa della prevenzione e della terapia delle malattie del cavo orale negli individui in età evolutiva.

Il Coming Out dei Genitori

 

Manlio Converti  Psichiatra Presidente AMIGAY

 

Generalmente si parla del Coming Out delle persone Omosessuali o Transessuali in famiglia. Oggi invece, per inaugurare questa sezione, parleremo del punto di vista dei Genitori delle persone LGBT e del loro Coming Out.

COMING OUT

Il termine significa “uscire fuori dall’armadio” (coming out from the closet) ed è rimasto di voga dopo i moti di Stonewall e le rivendicazioni politiche di Stuart Milk negli anni settanta. In Italia la classe politica e culturale di quegli anni rimase molto lontana da queste tematiche, tranne rare affermazioni del gruppo radicale del FUORI. Solo dopo la tragedia dell’AIDS, negli anni 80, si sono fondate le prime associazioni LGBT e sono iniziate le manifestazioni di Coming Out in pubblico note come Gaypride o più correttamente Pride (Orgoglio di essere sé stessi, GAY Good As You).

“Date parole al dolore: il dolore che non parla bisbiglia al cuore sovraccarico e gli ordina di spezzarsi” (Shakespeare, Macbeth, Atto IV scena III)

 

Dottoressa Piera Maiello   Psicologa relazionale, clinica e pediatrica

 

Come William Shakespeare già nel XVI secolo aveva intuito, le emozioni hanno bisogno di parole. Al giorno d’oggi sappiamo che un deficit nella regolazione emozionale provoca disturbi che possono sviluppare delle malattie psicosomatiche. La comunicazione tra la mente ed il corpo risulta indispensabile per uno stile di vita salutare, pertanto gli individui dovrebbero avere la possibilità di esprimere ciò che sentono per entrare in contatto con se stessi e con gli altri e stabilire relazioni significative basate sulla condivisione dei sentimenti. 

I tuoi occhi fanno prevenzione !

 

dott. Antonio Zuppardi, Medico Odontoiatra

 

Cari genitori, ho il piacere di mostrarvi quelli che possono essere i problemi dentali da tenere sotto controllo nei bambini dopo i 6 anni.

La foto mostra da sinistra a destra e dall’alto in basso:

  1. I) uno spazio eccessivo fra i denti;
  2. II) uno spazio ristretto (affollamento dentale);

III) un morso aperto (i denti anteriori non chiudono); 

  1. IV) un morso profondo ( i denti inferiori non si vedono);
  2. V) un’inversione degli incisivi centrali inferiori (i primi due dentini sotto coprono quelli di sopra);
  3. VI) un’inversione di tutti i denti superiori, tranne gli incisivi centrali;

VII) una completa inversione dell’arcata superiore;

VIII) mostra una protrusione (la parte superiore, la mascella, è troppo avanti);

  1. IX) mostra un canino con anomala eruzione (infatti “esce” al di sopra del dente di latte), non si tratta di un dente in più, ma di un dente mal posizionato.

 

Quindi occhio mamma e papà, se notate qualcosa di anomalo non tardate ad informare il vostro dentista, pediatra o medico curante.

Spero di essere stato abbastanza chiaro.

Aspetto vostre domande!

 

Il diabete a tavola

 

Silvana Di Martino, dott.ssa biologa; ricercatrice       www.nutrizioneebenessere.napoli.it

 

Vorrei iniziare il mio percorso parlandovi di una problematica molto seria che affligge una gran parte della popolazione: il diabete.

Il diabete è una malattia cronica in cui la glicemia ovvero i livelli di zucchero nel sangue tendono ad aumentare. Chi soffre di questa patologia deve stare particolarmente attento alla propria alimentazione, consumando alimenti a basso indice glicemico (bisogna classificare gli alimenti in base all’effetto che essi hanno sulla glicemia) ma soprattutto evitare diete fai da te, e farsi guidare da un esperto del settore. 

ANSIA: CONOSCIAMOLA MEGLIO!

 

Dora Riemma- Psicologa    dorariemma@hotmail.it

 

 

Il termine “ansia” viene utilizzato nel linguaggio quotidiano per esprimere uno stato non sempre ben definito di agitazione, paura, preoccupazione. Capita spesso che  sia considerata come una caratteristica personale, qualcosa che fa parte di noi : “Sono ansioso!”.

Ma cos’è davvero l’ansia? L’American Psichiatric Association (1994), la descrive come:

“L’anticipazione apprensiva di un pericolo o di un evento negativo futuro, accompagnata da sentimenti di disforia o da sintomi fisici di tensione. Gli elementi esposti al rischio possono appartenere sia al mondo interno che a quello esterno” (APA, 1994; cit. in: Franceschina et al., 2004, p. 213). 

WhatsApp chat