Voli cancellati: dopo gli appelli finalmente i rimborsi

Vittoria per i passeggeri e per Confconsumatori. Alcune compagnie rimborseranno in denaro coloro che non sono potuti partire, non imponendo più i voucher.

Latina, 23 ottobre 2020 – Dopo i numerosi appelli di Confconsumatori e la decisione della Commissione europea di avviare due procedure di infrazione contro l’Italia per il mancato rispetto dei diritti di passeggeri, finalmente alcune compagnie aeree rimborseranno in denaro gli acquirenti dei biglietti aerei che per diverse cause hanno dovuto rinunciare alla partenza o hanno visto annullare il loro volo dalla stessa compagnia.

Buone notizie, dunque, per i passeggeri Ryanair, EasyJet, Vueling e Blue Panorama che nei mesi scorsi avevano acquistato un biglietto con la speranza di partire ma che invece si erano ritrovati con un volo improvvisamente cancellato e con la sola possibilità di richiedere un voucher. L’Antitrust ha comunicato proprio oggi la sospensione dei procedimenti disciplinari nei confronti di queste quattro compagnie aeree che hanno finalmente deciso per il rimborso in denaro dei biglietti cancellati.

Con questa comunicazione dell’Authority la battaglia per i rimborsi in denaro fa registrare una prima vittoria: da diversi mesi Confconsumatori sostiene attivamente le richieste di rimborso in denaro e non recede dalla posizione a tutela dei diritti dei passeggeri. A questo fine l’associazione ha lanciato una petizione online su Charge.org (http://chng.it/Zb2FxfKNfx) che ha superato le 22 mila firme e ha messo a disposizione gratuitamente alcuni schemi di lettera da utilizzare per contestare i voucher (LINK).

L’intervento dell’Antitrust è stato decisivo affinché le compagnie aeree facessero un passo in dietro, e tale intervento è stato anche tempestivo perché arrivato ancor prima che l’Europa aprisse nei confronti dell’Italia la procedura d’infrazione (link al precedente comunicato: https://www.confconsumatori.it/voucher-e-procedura-di-infrazione-ue-occorre-nuova-legge/). Rispetto a quest’ultima, Confconsumatori si augura ci siano presto novità affinché le miopi scelte del legislatore vengano riviste a favore di scelte eque e non favorevoli solo ad una parte dei contratti di viaggio e di turismo.

Tornando alla decisione dell’antitrust e al fatto che sono comunque ancora aperti i procedimenti istruttori, l’associazione provvederà a segnalare tutte quelle ipotesi purtroppo allo stato ancora sussistenti in cui ai passeggeri viene negato il diritto al rimborso in denaro. E non solo per le compagnie oggetto del procedimento, ma anche per altre che si sono dedicate alla pratica della stessa attività in danno dei consumatori.

«La Confconsumatori esprime la propria soddisfazione non solo per aver visto premiato l’impegno profuso sin dal primo momento su tale questione, anche quando tra coloro che oggi plaudono all’intervento dell’Autorità avevamo trovato scetticismo e perplessità, ma anche perché dopo le nostre diffide ai sensi dell’art.139 del Codice del Consumo e rivolte alle compagnie, queste ultime pur accampando scuse varie hanno iniziato a rimborsare».

«Da sempre le battaglie dei consumatori sono state vinte grazie alla tenacia di coloro che vi hanno creduto fin dall’inizio e le hanno sostenute. Questo è uno dei tanti casi che conferma la strada da imboccare sempre, guardando sempre avanti. Noi abbiamo dato il nostro contributo e siamo consapevoli che senza l’intervento dell’Authority, oggi dell’Antitrust, questo non sarebbe stato possibile».

Per informazioni
Confconsumatori – Latina
Tel. 0771681022 – cell. 3495000314
Mail: confconsumatorilatina@gmail.com

You might also like