Brindisi Solidale “La Bottega Dei Semplici Pensieri”, Malazè 2018

Pozzuoli, Villa Avellino, martedì 25 settembre dalle ore 19.30  incontro con l’associazione La Bottega Dei Semplici Pensieri. La serata rientra tra le iniziative di Malazè, il festival ArcheoEnoGastronomico in corso di svolgimento nei campi flegrei dal 15 al 25 settembre.

L’associazione “La Bottega dei Semplici Pensieri” di Quarto, segue e assiste da anni i ragazzi Down, favorendone l’integrazione nella società e nei contesti lavorativi. Attraverso una serie di laboratori di formazione nell’ambito del catering, del bar e della ristorazione che, laddove non si raggiungesse l’obiettivo primario, rappresentano ugualmente una sorta di “percorso terapeutico”, favorendo l’acquisizione da parte dei ragazzi di maggiore indipendenza e autostima.

Nella serata del 25 settembre verrà presentato il progetto Brindisi Solidale che “prevede la nascita di un piccolo apecar modificato dove i ragazzi possono offrire un brindisi agli eventi o a matrimoni, se gli sposi vogliono festeggiare in maniera solidale, a fronte di una donazione.

Intervista alla Presidente dell’associazione La Bottega Dei Pensieri Semplici, Mariolina Trapanese

Lo scopo principale della vostra associazione prevede l’adeguata formazione e il successivo inserimento nel mondo del lavoro dei ragazzi down: come nasce tale iniziativa che è sia un onere che un onore sociale?

Nasce da un’esperienza personale di avere un figlio con un deficit intellettivo. Quindi insieme con altre mamme ci siamo incontrate al termine di un ciclo scolastico. Oltre le scuole superiori – i ragazzi hanno frequentato l’istituto alberghiero -, non vedevamo nessun tipo di futuro per i nostri figli. E non volevamo vanificare la loro esperienza scolastica. A questo punto abbiamo detto “ok, diamoci da fare” e abbiamo messo in piedi tutta una serie di attività, attraverso dei progetti, che potessero migliorare sempre di più la loro formazione avvenuta già in età scolare. In questo modo abbiamo creato la nostra associazione, ponendoci l’ambizioso scopo di creare una scuola di formazione per ragazzi diversamente abili. Seppure non le nascondo che le difficoltà sono tante!

Difficoltà di che tipo? 

Purtroppo come associazione non abbiamo una sede adeguata per il tipo di lavoro che facciamo.  Quindi, per il momento, ci adoperiamo con progetti extrasede. Del resto, come lei stesso vede, qui dove stiamo non possiamo fare granché (attualmente la sede dell’associazione è situata  in un appartamento su piano rialzato in un condominio sito in  Corso Italia 388,  a Quarto n.d.r.). Abbiamo fatto la richiesta per avere un bene confiscato al fine di poter disporre di una struttura ricettiva che ci consentisse di creare sia laboratori di formazione che eventi in maniera del tutto autonoma.

Malgrado non abbiate una sede confacente alle vostre necessità, comunque riuscite e fare cose pregevoli come appunto inserire nel mondo del lavoro alcuni dei vostri ragazzi.

Per quanto concerne l’inserimento nel mondo del lavoro, abbiamo cominciato con Garanzia Giovani e tre dei nostri ragazzi sono riusciti a ottenere un contratto di lavoro per sei mesi. Oltre ciò, abbiamo messo a punto dei progetti, tra cui Raccogliendo Mi Trasformo dove i ragazzi stazionano su un campo agricolo dal momento della semina. Questo progetto lo facciamo in collaborazione con l’Università di Agraria di Napoli, presso il centro di sperimentazione a Castel Volturno. I ragazzi seminano il mais e da quel momento in poi seguono tutto il percorso relativo alla trasformazione e crescita del seme in pannocchia. Lo scorso anno ci siamo occupati della produzione della farina di polenta. Quest’anno vogliamo andare oltre, creando dei biscotti. In virtù di ciò ci siamo accordati con delle aziende. Nel caso specifico Casa Infante che accoglie i nostri ragazzi nei suoi laboratori e li avvia, con l’ausilio di tutor, all’autonomia della preparazione dei biscotti. Questo è uno dei traguardi che abbiamo raggiunto nell’anno in corso.


Avete fatto anche dei corsi per pizzaioli?

Abbiamo tenuto un corso per pizzaioli alla Multicenter School. Successivamente i ragazzi hanno fatto esperienze in alcune pizzerie napoletane. Purtroppo tutto si conclude con l’esperienza. Il passaggio successivo che prevede l’integrazione a tempo indeterminato nel mondo del lavoro è molto lontano. Almeno per quel che riguarda il nostro territorio. Questo è il motivo per cui ci siamo dato come obiettivo uno step successivo che contempla la nascita della cooperativa sociale per concretizzare il percorso di formazione compiuto dai ragazzi. A riguardo sempre con la Multicenter School abbiamo creato all’interno dell’istituto un angolo bar, nominato Ke-bar, che in realtà è un’aula di formazione dove i nostri ragazzi, mediante turnover, si alternano al banco in modo da migliorare sempre di più le loro conoscenze, capacità lavorative e il rapporto con l’utenza. A riguardo mi lasci dire che, ragionando con il direttore della scuola, convenimmo che tale esperienza è formativa non solo per i nostri ragazzi, ma anche per gli stessi studenti della Multicenter in quanto li educa ad avere un approccio normale verso ragazzi con deficit di apprendimento.

Le istituzioni vi supportano adeguatamente?

Per alcuni aspetti sicuramente ci sono vicine – approvano, ci danno i patrocini. Ultimamente abbiamo vinto un bando europeo, Benessere giovani, sia con il Comune di Quarto che con quello di Pozzuoli.

Il bando è inerente alle attività specifiche che svolgete, nel senso è legato alla formazione professionale di cui parlavamo prima?

No, creiamo anche altri tipi di laboratori in quanto ci piace ragionare a trecentosessanta gradi per offrire sia l’apertura mentale sia la possibilità di mettere in moto fantasie. Secondo me, la cultura, comunque la tocchi, è una forma di crescita! Con il comune di Quarto metteremo in piedi un laboratorio di mosaico e si chiamerà Mosaicheart con l’ausilio di una docente cui seguirà una mostra dove esporremo le opere dei ragazzi.

Prima mi accennava alle difficoltà che avete nell’interagire con le istituzioni

Purtroppo con le istituzioni non riesco ancora a trovare il giusto interlocutore al fine di ottenere una sede adeguata per tutto ciò che facciamo. Questa è la cosa che più mi addolora. In sei anni che operiamo, penso che abbiamo dimostrato abbondantemente la nostra serietà ed efficacia. E penso che meriteremmo un minimo di attenzione in più da parte delle varie istituzioni, anziché essere sballottati da un ufficio all’altro, uscendone sempre con un pugno di mosche! Da più di anno e mezzo abbiamo fatto richiesta al comune di Quarto di un bene confiscato gestito dal comune. Ma finora non c’è stato nemmeno il varo del bando cui potremmo almeno partecipare. Consideri che all’epoca in cui il Comune fu commissariato, ebbi modo di pqrlare con il commissario, era il vice Prefetto di Napoli, il quale ebbe  modo di apprezzare il progetto, affermando che meritava attenzione.

Mentre invece qual è l’atteggiamento dell’attuale amministrazione?

Per il momento non ho avuto modo di incontrarmi né con il sindaco né con qualche altro rappresentante. Mi hanno detto di aspettare il bando che sarebbe uscito di lì a poco. Per ora nulla. Tuttavia non le nascondo che in noi sta maturando il pensiero e la volontà di spostarci dal territorio flegreo, o almeno da Quarto, per andare verso Napoli. Non è detto che lì non troveremmo maggiore attenzione da parte di chi di dovere.

I ragazzi di cui vi interessate sono locali?

Assolutamente no! Ormai la Bottega è conosciuta per cui da noi vengono non solo dalla zona flegrea ma da Napoli, Secondigliano, Fuorigrotta, Lago Patria. Siamo una realtà ben nota nell’ambiente. Tenga presente che quando inaugurammo il Ke-bar, per il servizio che fece per quell’occasione, il giornalista Giuseppe De Caro fu premiato a livello nazionale. Inoltre abbiamo avuto modo di collaborare anche con l’AIS, l’associazione italiana sommelier, consentendo alla Bottega di crescere e migliorare.

Non le è mai venuto il dubbio che le difficoltà istituzionali possano derivare dal vostro non essere in alcun modo politicizzati, anziché derivare da antipatici intralci burocratici?

Voglio proprio sperare di no! Per le questioni che stiamo trattando credo che l’obiettivo di tutti debba andare al di là delle mere questioni di partito. I ragazzi e le famiglie che si rivolgono a noi lo fanno unicamente perché sanno che cosa facciamo e le opportunità che offriamo loro. Se poi anche in questo contesto entrassero in gioco le beghe politiche, vuol dire che in questo paese, mi riferisco all’Italia in generale, davvero non c’è speranza. Non solo per chi è diverso, ma per tutti. Qui si parla di civiltà e penso che la civiltà debba prescindere dalle casacche di partito. O almeno, dovrebbe!

Al di là dell’introduzione dei vostri ragazzi nel mondo del lavoro, avete altri obietti?

Educare gli altri, i cosiddetti normodotati, a vedere i nostri ragazzi come una risorsa e non un peso per la società.

Cosa farete martedì sera a Villa Avellino?

Proporremo il nostro progetto Brindisi Solidale che prevede la nascita di un piccolo apecar modificato dove i ragazzi possano offrire un brindisi a eventi e matrimoni, se gli sposi volessero festeggiare in maniera solidale, a fronte di una donazione. Per noi martedì sera rappresenta la prova del nove perché per la prima volta i ragazzi si muoveranno in assoluta autonomia fuori dalle tranquille mura di una scuola. E contestualmente lanciare un messaggio sociale che non si riducesse solo agli alunni della Multicenter,  ma venisse recepito dal mondo esterno, facendosi notare e apprezzare come risorse lavorative.

Avete altri progetti in corso di realizzazione?

Sì, un altro che si chiama “semplicemente chef”  a cui collaborano quattro istituti alberghieri. Si tratta di un contest dedicato esclusivamente a ragazzi diversamente abili: i ragazzi della bottega sono stati preparati da uno chef; quelli della scuola dai loro professori. Ci siamo ritrovati l’anno scorso in un evento organizzato a Gambero Rosso a Nola. Le assicuro che è stata un’esperienza bellissima, entusiasmante. Anche per chi pratica questo mondo ad alto livello come appunto a Gambero Rosso che ci ha accolti e ha potuto valutare di persona che cosa significa dedicarsi ai ragazzi e prepararli.

Lei è convinta che il mondo esterno sia pronto a un confronto di questo genere?

Sì perché già ci hanno chiamato in altri circostanze e i ragazzi ne sono sempre usciti a testa alta.

Nel loro percorso formativo come e da chi sono accompagnati i ragazzi della vostra bottega?

Il nostro punto di partenza era ed è quello di costruire un lavoro integrato. Lo stiamo realizzando grazie alla fortuna di aver incontrato alcuni anni fa cinque/sei ragazzi che vennero da noi tramite la Caritas per esercitare il servizio civile. Da allora questi ragazzi non sono più andati via perché sono rimasti affascinati  dall’idea di una crescita comune. Grazie a questo rapporto sinergico tra il ragazzo normodotato e il diversamente abile, attraverso un lavoro di formazione che prevede per entrambi  la presenza di un tutor, puntiamo a realizzare entro il  2019 la operativa sociale. Questo progetto prevede che i ragazzi normodotati siano integrati ai nostri progetti, divenendo collaboratori dei nostri ragazzi. Una cosa del genere la vedrete già in opera martedì all’Apecar di Villa Avellino.

Il suo sogno nel cassetto?

Vedere realizzata la scuola di formazione e la villa per eventi gestita dai ragazzi. E ovviamente vedere i ragazzi volare via  da questo nido rappresentato dalla bottega per inserirsi con tutti i crismi nel mondo del lavoro e del quotidiano senza alcuna difficoltà!

Vincenzo Giarritiello

You might also like